Superbonus 110%

Con il Decreto Rilancio (D.L. 34/2020, convertito dalla Legge 77/2020), le spese sostenute nel periodo  1 luglio 2020 – 31 dicembre 2021 per specifici interventi effettuati negli edifici per l’efficientamento  energetico, gli interventi antisismici, l’installazione di impianti fotovoltaici, beneficiano dell’aliquota di detrazione per un valore del 110%.

Oltre all’innalzamento delle agevolazioni fiscali, il decreto permette la fruizione del bonus fiscale anche tramite cessione del credito d’imposta, oppure sconto in fattura.


Il contribuente che effettua gli interventi può quindi scegliere in alternativa:


  • il pagamento e la contestuale detrazione diretta dall’IRPEF  del 110% delle spese sostenute, da ripartire in cinque quote annuali di pari importo
  • il pagamento dell’intervento e la cessione del credito d’imposta alla banca
  • lo sconto diretto in fattura (se l’impresa esecutrice dei lavori lo consente, poiché recupera in sua vece il credito d’imposta), per un importo non superiore al valore del corrispettivo stesso.

Possono fruire dei vantaggi di Ecobonus e Sismabonus:


  • le persone fisiche (al di fuori dell’esercizio di attività di impresa o di lavoro autonomo)
  • i condomìni
  • le organizzazioni senza fini di lucro di utilità sociale, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale
  • le associazioni e società sportive dilettantistiche
  • gli IACP Istituti autonomi case popolari,
  • le Cooperative di abitazione a proprietà indivisa 

Il richiedente dell’agevolazione deve essere il:


  • proprietario o il titolare di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • detentore dell’immobile in base a un contratto di locazione o di comodato registrato

Quali interventi danno diritto a Superbonus 110%?


Il Superbonus spetta per l’esecuzione di interventi su immobili residenziali (condomini ed abitazioni residenziali), ad esclusione di quelli censiti in categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).


Per l’ottenimento del Superbonus 110% devono essere effettuati principalmente gli interventi identificati dalla normativa come “Trainanti”, ovvero:


  • isolamento termico delle superfici opache che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% (c.d. cappotto termico);
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni degli edifici in condominio  e sugli edifici unifamiliari (impianti a condensazione, a pompa di calore, di microgenerazione o a collettori solari);
  • interventi antisismici per la messa in sicurezza statica degli edifici.

Banca Popolare del Lazio ti offre un servizio a 360 °


  • Valutazione dell’intervento previsto per l’analisi e la gestione dell’intero progetto, per la verifica dei presupposti che danno diritto alle agevolazioni previste da Ecobonus e Sismabonus.
  • Acquisto del credito d’imposta riferito agli interventi oggetto dell’agevolazione.
  • Linee di credito e finanziamenti dedicate alle imprese che effettuano i lavori ed ai committenti.

Chiedi maggiori informazioni, compilando il seguente form


=
Per evitare fenomeni di SPAM ti chiediamo gentilmente di eseguire questa semplice operazione. Grazie.
INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI - SUPERBONUS 100%
La Banca Popolare del Lazio S.C.p.A. con sede in Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 Velletri (RM), in qualità di Titolare del trattamento, informa sull’utilizzo dei dati personali raccolti tramite il presente form elettronico. I dati, resi facoltativamente dall’interessato, saranno utilizzati per fornire le informazioni richieste in relazione al c.d. “Superbonus 110%” previsto dal Decreto Rilancio (DL 34/2020). La base giuridica del trattamento è l'esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dell’interessato. I dati potranno essere comunicati a soggetti esterni che collaborano con la Banca in questa iniziativa e che operano in qualità di autonomi Titolari del trattamento salvo siano stati designati dalla banca quali Responsabili del trattamento. I dati non sono diffusi né inviati all’estero in Paesi extra UE e sono conservati per un massimo di 10 anni. Dei dati possono venire a conoscenza i nostri dipendenti autorizzati ed incaricati del trattamento. I diritti di cui agli articoli da 15 a 22 del Regolamento UE 2016/679 sono esercitabili inviando una e-mail al Responsabile della protezione dati (Data Protection Officer) all’indirizzo dpo@bplazio.it. L’interessato può proporre reclamo all’Autorità di controllo (www.garanteprivacy.it). Ulteriori informazioni sono riportate nella sezione “Note legali e privacy“ del sito www.bplazio.it .